Il Capodanno simboli, storia e tradizioni

I Babilonesi furono il primo popolo a a festeggiare il capodanno nel 4000 a.C. Essi facevano cadere l’anno nuovo nel primo giorno di luna nuova dopo l’Equinozio di Primavera.

La tradizione passò poi alla cultura dei Romani presso i quali il primo giorno dell’anno veniva celebrato intorno alla fine di marzo.

Il calendario romano subiva però continue variazione ad opera dei diversi imperatori. Fu così che Giulio Cesare decise di sincronizzare il calendario con il sole stabilendo che il nuovo anno avesse inizio con il primo di gennaio.

Nel Medioevo nonostante quasi tutti avessero adottato il Calendario Giuliano, in diverse culture si continuava a festeggiare l’anno nuovo a marzo o verso la primavera. Nel 1582 entrò in uso il Calendario Gregoriano e  il 1° gennaio divenne finalmente la data ufficiale per le celebrazioni del Capodanno.

Fin dai tempi più remoti le usanze per festeggiare la fine dell’anno e l’inizio di quello nuovo erano numerose.

Si invitavano a pranzo amici e parenti e in queste occasioni conviviali gli invitati si scambiavano regali di buon augurio per un anno di felicità e prosperità.

Nei secoli molte delle tradizioni del Capodanno sono sopravvissute fino ai nostri giorni e la maggior parte di esse hanno un’origine pagana. Vediamo le più famose.

Il bacio sotto al vischio a mezzanotte: è un rituale di auspicio per portare amore tutto l’anno.  Anticamente i popoli hanno sempre considerato il vischio come una pianta benaugurale tanto che i Druidi lo utilizzavano durante i rituali sacri e i Celti ritenevano che una bevanda composta con il vischio costituisse un ottimo rimedio contro la sterilità.

L’intimo di colore rosso: si dice porti fortuna indossare intimo di colore rosso durante la notte tra il 31 dicembre e il primo gennaio. Le origini più antiche di questo rito dono di derivazione cinese e romana. Secondo un’antica leggenda cinese durante il Capodanno il Nian, una feroce bestia mangiatrice di uomini, riemergeva dagli abissi. Per spaventare il demone gli uomini cinesi usavano il colore di cui la bestia aveva paura: il rosso. Per quanto riguarda la tradizione romana, sembra che già nel 31 a.C., sotto l’impero di Ottaviano Augusto, uomini e donne romani utilizzassero indumenti rossi durante il Capodanno romano, questo colore era infatti considerato simbolo di potere, amore, salute e fertilità.

Tradizioni a tavola.

Il cotechino con le lenticchie: lo zampone, essendo carne di maiale grassa e nutriente, rappresenta l’abbondanza e mangiarne la notte tra il 31 dicembre e il 1 gennaio simboleggia l’auspicio di un nuovo anno prosperoso. La consuetudine delle lenticchie deriva dall’usanza di regalare per l’ultima sera dell’anno un portamonete pieno, appunto, di lenticchie, con la speranza che con il nuovo anno possano trasformarsi in monete d’oro;

L’uva: come le lenticchie anche l’uva simboleggia prosperità economica. Le radici della tradizione si rinvengono in Spagna dove si usa mangiare 12 chicchi d’uva: uno per ogni rintocco della mezzanotte, 12 come i mesi dell’anno. L’origine di tale usanza deriva dal fatto che chi riusciva a conservare l’uva raccolta per la vendemmia fino a capodanno era considerato una persona parsimoniosa.

Il melograno: rappresenta la fedeltà coniugale e la fertilità, mangiarlo in compagnia del proprio partner è di buon auspicio. Esiste anche l’usanza di mettere sotto al piatto di ogni ospite una moneta per augurare ricchezza.

I botti: servivano un tempo per scacciare gli spiriti maligni e nefasti del passato e dare il benvenuto agli spiriti benevoli del presente e del futuro.

Altri riti e credenze: uscire con i soldi in tasca il primo gennaio; si dice che se le prime persone che incontreremo saranno un prete o un bambino non sarà buon segno, se invece ad incrociare il nostro cammino sarà un gobbo avremo fortuna e se ci imbatteremo in una persona anziana godremo di una lunga vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close