Passeggiare nel Mistero

Ho sempre amato passeggiare, ho sempre amato il mistero.

Dai miei libri, dalle mie ricerche, dai miei appunti ma soprattutto dalle mie esplorazioni e dalle testimonianze che ho raccolto, nasce il mio progetto Passeggiate nel Mistero.

Un format che nasce dai miei lettori. Sono stati loro a chiedermi di unirsi alle mie passeggiate, soprattutto serali, per scoprire i luoghi reali, dove ho ambientato le mie narrazioni.

“Lei crede ai fantasmi? Ai dischi volanti? Alle streghe? Ai mostri? Lei davvero crede a tutte queste cose?”

Durante gli incontri in occasione delle presentazioni dei miei libri, per strada, con gli amici o durante momenti conviviali, mi sono sentito rivolgere sovente queste domande.

Interrogativi leciti, senza ombra di dubbio. Peccato che, a mio modo di vedere, non ha molto senso porre la questione in questi termini perché non si tratta di “credere” o “non credere”, si tratta di capire.

Comprendere il motivo per cui se i fantasmi non esistono, in ogni tempo, cultura, luogo, esistono storie di spettri, testimonianze orali e scritte che parlano di apparizioni sinistre e spaventose.

Capire perché il mondo è pieno di leggende che raccontano di streghe, fate, folletti, elfi, mostri e demoni.

Chiedersi come mai, da tempi remoti, come narrano le cronache, fino ai nostri giorni, in cielo si osservano oggetti dalla svariate forme, infuocati, velocissimi, sfuggenti al di là delle leggi conosciute della fisica.

Il mistero, nelle sue varie forme e declinazioni, è una condizione che appartiene, sin dalle origini, all’essere umano.

Personalmente non amo il sensazionalismo, tantomeno penso di essere un credulone ma nemmeno un fanatico al contrario.

La mia missione, quella che sento più mia, è quella del cronista, del narratore del reporter.

Non tutte le storie strane riguardano il mistero. In alcuni casi, la maggioranza, questo nesso è solo apparente ed esiste sempre una spiegazione razionale.

In altri casi, quelli che preferisco, la logica sembra aver abbandonato il mondo che conosciamo.

Poi ci sono quei meravigliosi strumenti antropologici che sono le leggende le quali hanno la sottile ma profondissima capacità di farci sondare gli abissi del mistero grazie al loro fascino e alle loro suggestioni.

Storie di spettri nelle case, nei castelli, in luoghi aperti, poltergeist, sedute spiritiche, infestazioni, scrittura automatica, rumori sinistri e inspiegabili, luoghi abbandonati che sembrano la dimora ideale per creature soprannaturali senza tempo.

Storie di avvistamenti nei cieli di oggetti volanti non identificati che compiono manovre impossibili, tracce radar, inseguimenti.

Storie di creature leggendarie, di streghe, folletti, demoni, mostri che sbucano dalle campagne e dai solai di antiche cascine.

Storie di sedute spiritiche finite male, di suggestioni, di oggetti che si muovono spinti da forze sinistre ed invisibili.

Storie di persone che hanno visto l’aldilà, che sono state visitate dallo spirito dei loro cari defunti.

Storie vere al limite dell’incredibile.

Desidero riportare uno scritto dell’antropologo Massimo Centini che descrive alla perfezione il mio personale approccio all’affascinante quanto complesso universo del Mistero:

Ci sono luoghi, vicende e personaggi che risultano circondati da un’aura che non è corretto definire esclusivamente misteriosa. Infatti hanno in sé qualcosa che sembra trattenere frammenti di una conoscenza antica, caratterizzata da un sapere in cui storia e filosofia, fisica e metafisica, si amalgamano indissolubilmente.

Quel «qualcosa» è l’anima del linguaggio esoterico che ha la prerogativa di raccontare storie parallele, offrendoci così l’opportunità per andare oltre l’apparenza delle cose. Con l’esoterismo vi è quindi modo di penetrare in una dimensione che ci prospetta angoli di lettura insoliti e alternativi al piano della realtà”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close